Maratea in Basilicata è la città famosa per le sue 44 chiese

Maratea, città delle 44 chiese

Nel Golfo di Policastro, affacciata sul Tirreno, sorge Maratea, la città delle 44 chiese. Una storia ricca e complessa l’ha attraversata lasciando testimonianze artistiche e architettoniche concentrate in una zona abbastanza ristretta. Sulla strada costiera, prima di intraprendere la salita che conduce alla città, è l’immensa Statua del Redentore ad accogliere il visitatore: alta 22 metri, con un’apertura delle braccia di diciannove e il viso largo tre metri, la statua, rivolta verso l’entroterra, quasi a proteggere l’intera regione, è seconda, per dimensioni, solo a quella di Rio de Janeiro.

INTERESSANTISSIMO LIBRO “Maratea parliamone ancora. Storie, cronache, curiosità e personaggi della Maratea del ‘900 e dintorni

Lettura

Più in basso, è un rincorrersi di ruderi dell’antico borgo del Castello, incastonati in una natura selvaggia. In cima si trova la Basilica di San Biagio (realizzata tra il VI-VII secolo d.C. e più volte rimaneggiata), che custodisce le reliquie del santo, oltre a preziosi affreschi e bassorilievi.

 

Flora, vegetazione e tradizioni etnobotaniche di Maratea: imperdibile capolavoro per chi ama studiare la vegetazione e la natura di questa bellissima città

 

 

Nei dintorni, merita una visita la Chiesetta della Madonna degli Ulivi, un antico romitorio basiliano, con affreschi del XIV-XV secolo. Il borgo, a ridosso del versante roccioso, conserva l’originario impianto medievale, che si snoda lungo stradine strette e tortuose: edifici, portali quattrocenteschi in pietra, antiche maioliche vietresi che impreziosiscono i pavimenti di case e edifici religiosi creano un ambiente carico di suggestioni.

 

SE SIETE APPASSIONATI DI STORIA, QUESTO LIBRO FA PER VOI

 

 

Tra gli innumerevoli edifici che meritano una visita, il grande Convento dei Minori Osservanti (XVI secolo), con un bellissimo chiostro del Cinquecento, ed il Convento dei Frati Cappuccini (XVII secolo). Un chiostro del Seicento è all’interno della chiesa del Rosario, mentre, dello stesso secolo, un importante bassorilievo dell’Annunciazione e un busto reliquario di S. Biagio sono conservati nella chiesa parrocchiale dell’Annunziata.

Cosa vedere

Vi suggeriamo di vedere le diverse località balneari Fiumicello-Santa Vènere e Maratea Porto, con spiagge strette tra le rocce.
Suggestiva, a Marina di Maratea, è la grande Grotta con stalattiti e stalagmiti; di fronte, il roccioso isolotto di San Ianni.

Come Arrivare a Maratea

Giungere a Maratea è semplicissimo, dovete prendere la vostra auto e percorrere l’autostrada A3 direzione Napoli-Reggio Calabria, e imboccare l’uscita Lagonegro nord-Maratea.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.