Il nome, in epoca romana, era Tarvisium. La città raggiunse il suo massimo sviluppo in epoca comunale e si unì spontaneamente alla Serenissima nel 1339. Il suo assetto urbanistico è davvero singolare. La città sorge nel punto in cui si incontrano due fiumi, il Sile e il Cagnan e il centro storico, circondato dalle mura cinquecentesche, è costituito da case costruite nell’acqua, nei punti in cui la terra ha creato sporgenze sufficienti all’edificazione. Un’altre caratteristica delle case di Treviso, che con i loro portici costeggiano i canali, è quella di essere affrescate con motivi geometrici, finte tappezzerie o anche scene mitologiche, in tipico stile medievale.

Pregevoli affreschi si trovano anche all’interno dei più importanti edifici civili e religiosi: la Pala dell’Annunciazione di Tiziano nel Duomo di San Pietro, gli affreschi di Tommaso da Modena nella Chiesa di San Nicola, infine il Museo Civico espone opere di Bellini, Lotto e ancora Tiziano.
Il territorio incontro a Treviso è costellato di incantevoli ville e incantevoli cittadine: vi suggeriamo una visita ad Asolo, soggetto prediletto dai pittori e soggiorno di ospiti illustri come Giosuè Carducci, Eleonora Duse e Strawinsky.

Treviso è raggiungibile grazie al suo aeroporto Antonio Canova specializzato nei voli aerei low cost e facente parte del sistema aeroportuale di Venezia. Tra le rotte più attive ci sono i Ryanair voli che si basano sullo scalo trevigiano per risparmiare sui costi aeroportuali.

0 Commenti