Olbia è l’antica capitale della Gallura, con il monumento più rappresentativo della regione: la chiesa romanica di S. Simplicio, un importante costruzione del XI-XIII sec., eretta su un’area cimiteriale cristiana. Di notevole suggestione anche il pozzo sacro nuragico di S. Testa, costituito da un piccolo recinto lastricato, e da una camera a “tholos”, da cui sgorga la sorgente. Nella città, fondata dai Greci, secondo la tradizione, ma più probabilmente dai Cartaginesi, aveva le sue terre Atte, la celebre concubina di Nerone.

Per tutti coloro che sono alla ricerca di viaggi per la città sarda, non bisogna perdersi le coste di Olbia, tra le più spettacolari della Sardegna, con spiagge e scogliere, colline boscose affacciate sull’acqua. Sul lato meridionale della città, la vista è sull’isola calcarea di Tavolara, la più impervia del Mediterraneo. Alta oltre 500 metri, lunga 4 chilometri, sembra un’immensa tavola conficcata nel mare. A nord di Olbia è il centro turistico di Porto Rotondo, in un promontorio verdeggiante di spiagge e di scogliere.

Porto Cervo
E’ la “capitale” della Costa Smeralda. Le case e le ville pittoresche, circondate dal verde dei giardini e dalla macchia mediterranea, sorgono nell’insenatura, composto da cinque ramificazioni. La prima ad essere costruita fu quella del Porto cosiddetto “Vecchio”, negli anni Sessanta, sempre affollato di bellissime barche, e con la graziosa piazzetta in mezzo. Più recente è la costruzione del ramo est, con Porto Cervo Marina, vasto e attrezzatissimo porto turistico in cui si affacciano la Torre di granito e basalto e lo Yacht Club Costa Smeralda. Interessante la visita alla chiesetta Stella Maris, scenograficamente inserita nel porto che guarda la marina: all’interno si trovano antichi tappeti sardi e un dipinto attribuito a El Greco.

Olbia è raggiungibile in via aerea con voli Air One, Meidiana ed Easyjet.

0 Commenti