In remote epoche geologiche, l’attuale Valle Tiberina, che attraversa l’Umbria da Nord a Sud, era occupata dall’omonimo grande lago, il quale trovò poi uno sbocco erodendo lentamente la montagna in corrispondenza delle suggestive gole del Forello, lungo il corso del Tevere, in direzione ovest.

Oggi, la valle si caratterizza per le sue fertili terre e le sue dolci colline, che definiscono un paesaggio di grande bellezza, ricco di importanti testimonianze storiche e di affascinanti cittadine, che sembrano guardarsi l’un l’altra dall’alto delle loro verdi alture. Il paesaggio che s’incontra ricorda da vicino i caratteri tipici delle valli toscane, con lo sguardo che si perde lungo questi dolci pendii, sulla cui sommità, spesso, sorgono paesi d’incredibile bellezza. Tra questi, la splendida Todi, con il suo suggestivo aspetto medievale, e, distante poche decine di chilometri, la fragile Orvieto, che si erge su una roccia di tufo, ai cui piedi si trovano i resti di importanti necropoli etrusche. Entrambe appaiono, agli occhi stupiti dei visitatori, come affascinanti ed incredibili agglomerati di case e palazzi storici, antiche chiese ed un’infinità di testimonianze archeologiche etrusche e romane di inestimabile valore artistico e culturale.
Le due cittadine sono collegate dall’agevole SS 448, che costeggia il bel Lago di Corbara, e dalla più impegnativa, seppure leggermente più breve, SS 79 bis, che attraversa il Parco Fluviale del Tevere, separando le provincie di Perugia e di Terni.

0 Commenti