Alle spalle il Colle di Baragge e davanti l’Arcipelago de La Maddalena. Palau nasce nell’800, a ridosso di un piccolo porto naturale, utilizzato per la pesca e come punto di partenza privilegiato per il traghettamento all’isola de La Maddalena. Divenuto da lì a poco stazione ferroviaria della linea Sassari-Tempio-Palau, è oggi un importante centro turistico che si stringe intorno a Via Nazionale, la strada principale del paese, contornata da belle palazzine ottocentesche e numerosi negozi, e che, dalla ss125, conduce direttamente al porticciolo turistico.

La costa intorno a Palau, brulicante di campeggi, è costituita da continui promontori e rientranze che nascondono spiagge e baie indisturbate, alle quali si può accedere grazie ad una serie di stradine di recente costruzione, oltre che, naturalmente, via mare. Le sovrasta la costante presenza del granito, per secoli modellato dal vento in forme suggestive ed affascinanti. Poco distante da Palau si trova Porto Raphael, rinomato centro balneare sorto all’inizio degli anni ’60, costituito da belle ed eleganti villette ben inserite nel contesto paesaggistico. Intorno, la costa è rocciosa e scoscesa, fino al belvedere di Punta Sardegna, a 111 m sul livello del mare, da dove si gode di un panorama davvero notevole. Famose le spiagge di Porto Faro, adiacente all’omonimo villaggio turistico, e la bella La Sciumara, raggiungibile a piedi dopo un breve tratto sterrato. Dal porto di Palau partono quotidianamente numerosi barconi, che consentono di visitare l’arcipelago de La Maddalena a coloro che non possiedono barche private.

0 Commenti