Sono numerosi i motivi per cui vale la pena visitare il Salento: i mari meravigliosi che bagnano il Tacco d’Italia, l’ottima cucina, l’ospitalità e l’accoglienza del popolo salentino – basta soggiornare in un hotel o prendere in affitto una casa vacanze Salento per rendersene conto – i tanti eventi e le sagre che ne caratterizzano l’estate, la bellezza paesaggistica e naturalistica. Appartengono a quest’ultima le grotte carsiche che si estendono principalmente sulla costa adriatica.

Incastonate nelle ripide scogliere che partendo da Punta Palascia, Otranto, arrivano fino a Santa Maria di Leuca, l’estrema punta del tacco, le grotte sono di natura carsica e rappresentano delle importanti testimonianze della storia preistorica dal momento che al loro interno sono stati rinvenuti pittogrammi e vari reperti che fanno luce su un lontanissimo passato. Gran parte del materiale ritrovato all’interno delle grotte è oggi custodito ed esposto nel museo di Maglie.

Tra le grotte più affascinanti ci sono la Romanelli, la Zinzulusa e la grotta dei Cervi. Quest’ultima si trova nella meravigliosa insenatura di Porto Badisco, a due passi da Santa Cesarea Terme. Risale a più di 4000 anni fa ma purtroppo non è al momento accessibile al pubblico pur rappresentando uno dei siti più interessanti e suggestivi del Salento. Al suo interno vi sono reperti pittorici di straordinaria importanza che raffigurano moltissimi cervi; da qui il nome alla grotta.

La grotta Romanelli si trova nello specchio d’acqua che da Santa Cesarea prosegue verso sud e porta a Castro. Fu scoperta nel 1900 ed al suo interno furono ritrovati i resti del pinguino boreale, gru islandiche e gabbiani artici. Dagli studi risulta che era frequentata già dal paleolitico medio fino alla fine del paleolitico.

Infine la grotta Zinzulusa, senza dubbio la più famosa del Salento. Visitabile e circondata da acque fantastiche, presenta un ingresso caratterizzato da stalattiti e stalagmiti, una cripta con pareti alte fino a 25 metri ed un fondo al quale si giunge dopo circa 150 metri. Assolutamente affascinante.

0 Commenti