Palermo è una città che vanta una storia lunghissima, segnata dalle tante popolazioni che hanno vissuto e dominato questa parte della Sicilia. Grazie alle tante offerte voli disponibili cercando tra i voli per Palermo di Skyscanner, scoprire le bellezze e i misteri di questa splendida città è ormai alla portata di tutti. Le catacombe presenti sotto il convento dei frati Cappuccini di Palermo, rappresenta uno dei luoghi più affascinanti e misteriosi del capoluogo siculo e non solo. Qui sono presenti circa ottomila scheletri mummificati, posti in piedi o seduti, che alloggiano in trecento metri di gallerie e dove riposano religiosi, bambini, donne nubili, militari e nobili, la maggior parte dei quali, rivestiti dei loro indumenti dell’epoca.

I frati cappuccini si stabilirono a Palermo nel 1534 a Palermo e verso la fine del cinquecento, visto il considerevole numero di morti, si decise di passare dalla precedente fossa comune alla mummificazione presso le attuali catacombe, che raggiunsero la dimensione odierna nel 1732.

Il procedimento utilizzato dai frati era di per se abbastanza semplice ma efficace e prevedeva l’essiccazione per circa sette-otto mesi, seguita da pulizia in aceto, successivo rivestimento con gli abiti originali e infine collocazione in asse di legno per consentirne la collocazione e la posizione.
Esiste tuttavia un’eccezione a questo procedimento che ha generato un mistero a oggi irrisolto. Nel 1920 fu infatti riposta e imbalsamata la salma della piccola Rosalia Lombardo, figlia di facoltosa famiglia, morta nel dicembre di quell’anno. La salma venne riposta e mummificata secondo i canoni tradizionali ma imbalsamata dal Dottor Solofia con un procedimento chimico che il dottore non svelò mai sino alla sua morte avvenuta poco dopo. Il risultato fu davvero incredibile, visto che osservando la salma della bambina, questa sembra solo addormentata, vista la pienezza dei tratti del viso.

La leggenda vuole che la salma del Conte di Cagliostro il cui fantasma, in barba alle più celebrate tradizioni scozzesi, sembra si aggiri in questi sotterranei dopo essere stata qui riposta e occultata la sua salma. E tale fu la risonanza di questa leggenda che persino Napoleone Bonaparte la fece cercare, ma inutilmente. Ecco quindi un mistero nel mistero. Perché mai tanto interesse nei confronti di Cagliostro defunto e perché mai occultarne la salma se questa riposa nelle catacombe?

1 Commento