Ospitale come l’Italia, ordinata come l’Austria: in Valle Aurina s’incontrano due culture diverse, con due lingue: l’italiano ufficiale e il sudtirolese, la più usata. La doppia faccia di questa affascinante vallata si vede anche nel territorio: montagne dal verde fianco di abetaie e di pascoli che sembrano giardini, paesini da favola e balconi fioriti; ma anche montagne selvagge, da percorrere solo con gli sci, e riposando nei pochi rifugi, oasi di cordiale ospitalità.

Principali mete di questa valle sono la Vetta d’Italia, il punto più a nord del confine italiano e il Magerstein, la cima dalla quale si riescono a vedere tutte le Dolomiti, con lo sguardo che indugia sulle cime innevate che riflettono le sfumature del cielo.

0 Commenti