L’ordinata scacchiera del Tavoliere di Puglia si estende per circa 80 chilometri. Deve il suo nome alle Tabulae censuariae dell’antica Roma. Dal suo importante bacino agricolo nascono vini eccelsi tra cui i Doc di San Severo, il “Cacc’e mitte” di Lucera e il “Torre Quarto” di Cerignola. Il suo grano duro è meritatamente celebre e dalle saporitissime olive si fa un olio Dop davvero pregiato.

A tutte queste bellezze agresti è dedicata, ogni anno, l’importante rassegna internazionale della Fiera dell’Agricoltura che si svolge in uno dei quartieri espositivi più grandi d’Europa. Degne di essere menzionate sono: il Piano delle fosse granarie di Cerignola, reperto della civiltà contadina, la Chiesa di San Severino a San Severo e, soprattutto, il capoluogo provinciale, Foggia, divisa tra modernità, tradizione e cultura.

0 Commenti