Visitare Firenze evitando il caos di turisti e le lunghe code non è un’impresa facile. Tuttavia esiste una Firenze misteriosa, segreta e tranquilla, lontana dai classici tour. Una tappa per chi vuol scoprire l’altro volto del capoluogo toscano è l’abbazia di San Miniato al Monte. Situato in uno dei luoghi più alti della città – nella zona dei Viali dei Colli, non lontano dal Piazzale Michelangelo – l’edificio rappresenta uno degli esempi più importanti di arte romanica in Italia.

La Basilica è avvolta dalla leggenda di San Miniato, il primo martire della città. Secondo un racconto, si trattava di un mercante greco o di un principe armeno venuto in pellegrinaggio in Italia. Fu ucciso e decapitato durante le persecuzioni dell’Imperatore Decio e fu visto allontanarsi con la sua testa in mano fino al luogo dove ora sorge l’edificio religioso.

La costruzione dell’attuale chiesa iniziò nell’XI secolo e, sin da questo periodo, è stata abitata da monaci. Tutt’oggi essi vivono nella Basilica e, oltre alle funzioni religiose, producono miele, liquori e tisane che vendono in un negozio vicino.

La splendida facciata romanica accoglie il visitatore “dal basso”: questi infatti deve percorrere la scalinata monumentale per accedere alla Basilica. Una volta in cima noterà le due fasce della facciata: una inferiore con 5 archi a tutto tondo e quella superiore al cui centro campeggia il pronao.

Dell’interno, alquanto inusuale, bisogna ammirare lo splendido pavimento intarsiato che risale ai primi anni del XIII secolo, il magnifico pulpito e la cripta che costituisce la parte più antica della Basilica. Su di essa sorge l’altare che custodisce le ossa di San Miniato (anche se su questo non v’è certezza).

L’aspetto più interessante ed al contempo più misterioso è legato alla simbologia presente all’interno dell’edificio: tutto sembra essere legato al 5, numero del sole e del radicamento dell’uomo nello spirito. Ma all’interno vi sono anche dipinti e raffigurazioni di animali che si prestano ad interpretazioni simboliche: il pellicano, ad esempio, immagine di Cristo e di Dio.

La Basilica di San Miniato è, per tutti i motivi sopra citati, uno dei monumenti da non perdere durante un soggiorno a Firenze. Per dormire a due passi dall’edificio ci si può affidare a GowithOh, un sito che mette a disposizione appartamenti per alloggiare nel meraviglioso capoluogo toscano.

0 Commenti