La buona cucina a Bologna non è cosa rara. Conosciuto in tutto il mondo, fin dai tempi remoti, per il ragù, le lasagne, le tagliatelle e i tortellini, il capoluogo emiliano può a buon diritto definirsi tale anche per quanto riguarda la gastronomia. Ernest Hemingway diceva che a Bologna si mangia splendidamente e con lui concordava Giacchino Rossini, che pare vi si sia trasferito proprio per gustarne la cucina.

In qualunque ristorante si decida di mangiare è probabile che se ne esca con il palato soddisfatto, ma non sempre altrettanto si può dire per il portafoglio, che a volte può rimanere seriamente colpito e non tutti hanno la possibilità di sopportarlo! Ad ogni buon turista che si lascia entusiasmare dalle bellezze architettoniche di Bologna, non si può che augurare di apprezzare anche il meglio culinario, gioendo, magari, per un buon rapporto qualità-prezzo. Eccovi allora qualche suggerimento che può rivelarsi utile, salvo improvvisi cambi di gestione!
Se tornando da una visita alla Basilica di San Luca vi scoprite improvvisamente affamati, in Via Saragozza, in direzione Casalecchio di Reno, vi attende l’ottima cucina tradizionale di Boni alla Funivia; se invece siete reduci da una gita nel ferrarese, fermatevi nella campagna al Mulino Bruciato o da Gigina, nei pressi di Via Corticella, magari facendo un salto poi fin sul colle della Guardia per smaltire l’abbuffata. E che dire a quelli che s’aggirano dentro porta? Nella zona del Tribunale, in un intricato e caratteristico groviglio di vicoli porticati, si trova la trattoria al Quindici; verso il centro della città, nei pressi di Piazza Maggiore, Da Ciro e La Farfalla; mentre per una cena tranquilla, da Napoleone o al Paradisino, nei pressi del fiume Reno. Gli onnivori non hanno di che temere, ma, fermo restando che è bene assaggiare la cucina locale, è anche vero però che, tra tante leccornie, potrebbe facilmente capitare ad un vegetariano di dover saltare il pasto, poiché le proteine animali sono molto apprezzate dai bolognesi. Passate allora da Clorofilla, uno degli unici posti dove a Bologna, da questo punto di vista, potete mangiare con tranquillità o bervi qualche centrifugato di frutta.

0 Commenti